Aromatologia alla scoperta dell’olio essenziale

ARANCIO

A cura di Monia Pradal Master Aromatologia

Albero originario dell’Asia, si utilizza la buccia del frutto per l’estrazione dell’olio essenziale.

E’ legato al Secondo Chackra, che identifica il bisogno di diversità, occasione per rinnovarci.

secondo chakra

I traumi che possono essere collegati al 2 chackra sono:

  • il dover cambiare luogo dove si vive;

  • abusi sessuali, tradimento umiliazione e questi traumi sono collegati ai reni quindi paura;

  • incapacità di impegnarsi al livello di coppia, incapacità emotiva, quindi mantengo le distanze;

  • incapacità di sentire passioni, gioia, perdita di fiducia in se stessi, essere razzisti;

  • dipendenze da ogni cosa, infiammazioni, cistiti e dolori al livello lombare.

L’olio essenziale di arancio ha un profumo caldo e avvolgente e ci ricorda che nella vita si può anche “ridere”, a  livello energetico fa un lavoro meraviglioso, ci porta con i piedi per terra, ravviva la vita interiore per eliminare i blocchi profondi ed uscire da situazioni difficili, per quelle persone che vivono molto nella testa ed hanno spesso i piedi freddi, per le persone molto estroverse trovano calma e calore interiore, aiuta nei periodi in cui dobbiamo risolvere dei problemi.

Indicazioni principali:

  • Ottimo rilassante , contro ansia, stress e insonnia;
  • Nel massaggio stimola la circolazione sanguigna;
  • Combatte la ritenzione di liquidi (cellulite, sempre nel massaggio)

Per soddisfare i bisogni individuali è essenziale dare un consiglio mirato, siamo pronti ad accogliervi nel nostro centro così da poter personalizzare il giusto rimedio per voi.

Vi Aspetto a presto con il prossimo olio.

Monia Pradal